Dopo una lunga vacanza che ha lasciato a secco questo blog, sono tornato in Italia per coprire l’evento di Rivista micron e Arpa Umbria “L’ambiente vive di legalità”, che si è tenuto nella terza settimana di luglio al Lago Trasimeno, sull’Isola Polvese. Da questa esperienza sono nati articoli, videointerviste e piccoli reportage fotografici: alcuni già online e altri in fase di pubblicazione.

Rifiuti, corruzione, ambiente | Perché ambiente e sostenibilità sono un business per le organizzazioni criminali? Che cosa non funziona quando parliamo di rifiuti? Perché rifiuti e corruzione sono spesso legati l’uno all’altra? Ne ho parlato con il giornalista e scrittore Antonio Pergolizzi.

Intervista a Pasquale Raia | Pasquale Raia è dirigente di Legambiente Campania e cognato di Mimmo Beneventano, ucciso dalla camorra nel 1980. Grazie alla collaborazione con Libera Umbria, Raia è stato ospite del campus “L’ambiente vive di legalità”.

Tuttavia, ciò che più mi ha colpito dal punto di vista professionale è stata la grande disponibilità di colleghi ben più grandi (e conosciuti) di me nel condividere consigli, contatti e punti di vista. 

È stata un’esperienza a 360 gradi, che consiglio a tutti per la sua seconda edizione (probabilmente a luglio 2020) e che ha confermato, in un certo senso, qualcosa in cui già credevo: partecipare a eventi che coinvolgono colleghi o persone che sono dei punti di riferimento nel proprio ambiente professionale è fondamentale per tanti motivi. Tra questi, vorrei citarne almeno due.

Primo: come freelance si finisce spesso (almeno secondo la mia esperienza) per lavorare da soli gran parte della settimana. Senza un confronto, si rischia di prendere piccole, cattive abitudini che poi si trasformano in errori grossolani. Il confronto, quindi, è utilissimo per rendersi conto dei propri limiti e per continuare a migliorare il proprio lavoro.

Secondo: incontrare di persona degli esperti che si sono raccolti in un luogo apposta per discutere un argomento che li appassiona è molto diverso che ascoltarli alla televisione, in un podcast, o attraverso un video su YouTube. Perché se sei presente hai la possibilità di interagire in prima persona, confrontarti, chiedere, approfondire le tematiche che più ti interessano. Non sei più soltanto “parte di un’audience”, sei una persona in carne ed ossa.

E questo, bisogna aggiungerlo, offre una duplice occasione: quella di capire davvero un argomento, e quella di discuterlo sul momento con una persona del settore. Opportunità che, per chi si occupa di giornalismo, vuol dire anche stringere rapporti personali con una fonte in grado di offrire informazioni, competenza e valore aggiunto al proprio lavoro.

Fotografia | Ho passato gran parte delle mie giornate a scattare, selezionare ed editare foto. È stata una bella sfida, soprattutto per le conferenze al chiuso, ma i servizi a cui ho preferito lavorare sono senza alcun dubbio questi due:
1) Escursione in barca con la Cooperativa Pescatori del Trasimeno – FOTO
2) Seconda giornata di campus: escursione all’isola Polvese, incontro con Libera Umbria e “Il lato oscuro dei Premi Nobel“, performance di Francesco Aiello – FOTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.