• Non lasciatevi scoraggiare!
  • Saper affrontare le difficoltà
  • Prendete in considerazione la possibilità di insegnare
  • Cosa potremmo “importare” in Italia?

Se vi siete accorti che il progetto di ricerca della vostra vita è in Francia e che lì vorrete fare il dottorato vi abbiamo già raccontato da dove cominciare, ma non vi abbiamo detto tutto. Quali sono i consigli di chi ha già intrapreso questa strada? Cosa potrebbe esservi d’aiuto per iniziare una carriera accademica a Parigi o per trovare il progetto e il gruppo di ricerca adatto? Lo abbiamo chiesto a tre dottorandi italiani che stanno svolgendo il loro Ph.D. in Francia.

Un primo passo da non sottovalutare è pensare ad un Erasmus. Jessica Apulei, che è al suo quarto anno di dottorato al Collège de France, è partita subito dopo la laurea in biologia molecolare. «Mi sono detta che l’Erasmus poteva essere il mio trampolino di lancio», racconta.

E così, mentre lavorava in un laboratorio a Gif-sur-Yvette, Jessica ha contattato diversi professori finché non ha trovato quello che sarebbe diventato il suo attuale capo di laboratorio…continua a leggere su Rivista Micron.

*Questo articolo è stato pubblicato su Rivista Micron il 7.01.2018